San Quirico

Il Dolcetto abita qui

Siamo a Diano d’Alba, terra di grandissima tradizione vitivinicola, balcone naturale sulla Bassa Langa. Dal 1995 la nostra produzione si avvale anche dei vitigni che ammantano queste colline attorno ad Alba: dolcetto e barbera. Ne nascono i due celebri, omonimi vini piemontesi.

Il Dolcetto di Diano d’Alba è vino dal profumo decisamente fruttato e di pronta beva: al naso denota una forte vinosità, unita ad aromi di frutta nera. La Barbera d’Alba, storicamente più acida, grazie al nostro ottimo lavoro in vigneto e in cantina diventa vino di carattere e buona struttura.

Due grandi piemontesi, qui a San Quirico, cui si aggiungono altre produzioni tipiche del territorio: Barbaresco, Langhe Rosso, Nebbiolo d’Alba, Gavi, Moscato.

Superficie
9 ettari
Tipologia dei suoli
Calcareo-argillosi
Esposizione
Sud-Ovest
Il vitigno principe
Dolcetto d’Alba

Suolo

Terreni argillosi e ricchi di marne calcaree, ben drenanti e compatti che garantiscono un buon equilibrio tra fase vegetativa e riproduttiva della vite. 

Clima

Vitigno precoce, il dolcetto predilige altitudini medio alte: le notti fresche, d’estate, sviluppano sufficiente acido malico la cui trasformazione, durante i processi fermentativi, darà complessità e freschezza al futuro vino.

Uve

Oltre al dolcetto, qui coltiviamo barbera, vitigno a bacca nera tra i più diffusi in Italia e Piemonte, secondo solo al sangiovese. Dai terreni di San Quirico i nostri vigneti traggono particolare gusto e profumo.

Il terroir

San Quirico

La zona di produzione del Dolcetto di Diano d’Alba corrisponde all’intero territorio dell’omonimo comune, che si snoda sulle colline a un’altitudine costante di 500 metri circa. Sono le creste più vocate alla viticoltura, con la migliore esposizione: per questo, in piemontese, si chiamano sörì, “luogo ben orientato”.